rom-tano-damicoE’ in atto una vera e propria criminalizzazio-ne Istituzionale degli “zingari” (i Rom profu-ghi dalla guerra in ex Jugoslavia), con co-strizione  alla devianza sociale. E con par-ticolare, spietato, accanimento anche verso i minori.  Leggi il seguito dell’articolo »

nomadi-nomadi
Il Polesine per i Nomadi… ma non per i “nomadi”!  Leggi »

26 dicembre – Una romena di trentadue anni ed il figlio di tre, sono morti nell’incendio della capanna, in una baraccopoli nella pineta di Ostia. 
Leggi il seguito dell’articolo »

Fatima da Mostar, il dramma

novembre 24, 2008

Lunedì 24  novembre,  Verona.  Presso il  Giudice di pace si è tenuto il ri-corso all’espulsione. L’avvocato ha guadagnato  quattro mesi di tempo. Se non si trova un lavoro per Fatima c’è l’espulsione per lei ed i figli minori verrebbero internati in Istituto. Leggi il seguito dell’articolo »


Rovigo 29 settembre. “Mendicanti in centro scatta il blitz”,   la polizia porta in Questura cinque persone. Così titola un quotidiano locale e, con lo stesso rilievo: “Altra ruspa rubata, 250 mila euro di danni”, il terzo furto della banda dei caterpillar.
Il confronto fra un danno sociale inventato (accattonaggio) ed un atto di evidente criminalità…  Leggi il seguito dell’articolo »

Milano, 24 settembre.  Un ragazzo romeno  di 14 anni  è morto nel son-no nell’incendio che si e’ sviluppato nell’ex area Falck di Sesto San Giovanni, alle porte di Milano, dove dormiva con altre trenta persone.
Con cronaca degli incendi nei “campi nomadi” degli ultimi dieci anni.
Leggi il seguito dell’articolo »


Una
ordinaria storia di emarginazione e persecuzione  sociale  ed isti-tuzionale, che riguarda la famiglia di una profuga dalla Jugoslavia, in Italia dal 1990 e colpita nei giorni scorsi da decreto di espulsione. Leggi il seguito dell’articolo »

Due bimbe Rom sono annegate a Torregaveta
«Due di meno»
Due bimbe Rom sono annegate a Torregaveta
«Così la finiranno di mendicare sulla spiaggia»
Due bimbe Rom sono annegate a Torregaveta
«Basta con gli immigrati, restino a casa loro»
Due bimbe Rom sono annegate a Torregaveta
«Con l’abbronzatura farò un figurone al lavoro»

Leggi il seguito dell’articolo »

Le impronte digitali ai Rom -compresi i minori dai 6-14 anni, sono solo l’ultimo atto di una persecuzione verso i Rom che perdura dal 1400.

Fatima Seferovic è scappata dalla guerra dell’ex Jugoslavia per arri-vare in Italia nel 1990. Ora con permesso di soggiorno scaduto e senza aiuti è ridotta alla disperazione e può essere espulsa in qual-siasi momento assieme ai quattro figli, due dei quali nati in Italia. Una situazione –rischio espulsione dal territorio nazionale, che accumuna la famiglia di Fatima a migliaia e migliaia di altre famiglie rom scappate dalla guerra di Jugoslavia e residenti in Italia ormai da decenni. 

Leggi il seguito dell’articolo »

No alla schedatura dei Rom

luglio 10, 2008

   I NOSTRI CORPI CONTRO IL RAZZISMO DI STATO 

schedatura III reich 1941 c.ca

La schedatura dei Rom dei “campi nomadi”, compresi ragazzi dai 6-14 anni, è di tipo razzista (rivolta ad una sola sola etnia) e viola le leggi della Coscienza Sociale, la Costituzione (art.3), la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo (art.1-2), le norme del Consiglio d’Europa e la Convenzione Internazionale –ONU dei Diritti dell’Infanzia. Leggi il seguito»

(Per una pedagogia della Resistenza)


DIVIETO DI SOSTA A NOMADI E ZINGARI

Il 26 aprile il sindaco di Ceggia (comune del veneziano) ha emesso un’ordinanza che vieta la sosta a “nomadi e zingari” nel territorio comunale. Una ordinanza di stampo leghista per un sindaco di Lista Civica in un comune con meno di seimila abitanti e col 25% di elettori Lega Nord. L’ordinanza, razzista perché vieta ad una razza –gli zingari, un diritto riconosciuto –invece per altre razze, è inscritta nel cosiddetto tema “sicurezza” e cacciata del “diverso”,  promosse ed intrinsecamente radicate nel partito della Lega Nord.   Leggi il seguito dell’articolo »