rom-tano-damicoE’ in atto una vera e propria criminalizzazio-ne Istituzionale degli “zingari” (i Rom profu-ghi dalla guerra in ex Jugoslavia), con co-strizione  alla devianza sociale. E con par-ticolare, spietato, accanimento anche verso i minori.  Leggi il seguito dell’articolo »

 
Il Governo presenta un emendamento che introduce il reato di perma-nenza clandestina con carcere fino a quattro anni in caso di mancato rispetto di un ordine di espulsione o allontanamento. Ma a rischiare saranno non solo gli extracomunitari senza lavoro o che hanno com-messo un reato, ma anche le badanti con permesso di soggiorno sca-duto o che senza giustificato motivo permangono illegalmente nel territorio, o gli studenti stranieri e i turisti che si trattengono oltre i tre mesi previsti dalla legge. Con questo ddl rischiano la pena un milione di “badanti” e 650 mila immigrati irregolari.
Leggi il seguito dell’articolo »

firenze-citta-per-la-pace-5001
L’amministrazione  comunale di Firenze, già tristemente famosa per la prima ordinanza di messa al bando dei lava-vetri rom“, inventa il reato di “sonno indecente”. Il 7 ottobre i Vigili Urbani sequestrano le coperte a 50 Rom romeni: “Dormite sui cartoni” rispondono gli Urbani ai Rom in-freddoliti. A fine settimana, 11 ottobre, nuovo raid dei Vigili  che stavolta multano i cinquanta Rom perché “dormivano in modo visibilmente in-decente”.. Leggi il seguito dell’articolo »


Gli episodi di razzismo in Italia dal 13 maggio al 3 ottobre.  170 giorni di ordinario razzismo socio-istituzionale: cronaca contestualizzata di alcuni degli episodi razzisti; perché episodi considerati “minori” – come lo stupro di una donna romena o gli sgomberi continui dei Rom – spesso vengono sottaciuti e celati dalla “stampa”, nonostante la “carta” di Roma che dovrebbe tutelare l’informazione sugli  immigrati. Aggressioni e discriminazioni contro Immigrati e Rom sono diventate ormai quotidiane, sfociando anche nell’uccisione di persone. Razzismo alimentato dalla cultura dei Partiti al Governo del Paese.
Leggi il seguito dell’articolo »