Massimo Bergamin, Sindaco di Rovigo, denunciato alla Procura della Repubblica per istigazione all’odio ed alla violenza razziale, discriminazione politica a mezzo fascia tricolore e violazione del diritto all’immagine.
Leggi il seguito della segnalazione alla Procura »

siamo tutti clandestini brescia 24-11-2001Pensa se Moni Ovadia, Erri de Luca, Massimo Carlotto, Pierluigi Sullo, mettessero in pratica i bei discorsi per  adottare un clandestino per salvarlo dalla “morte civile”, dalla schiavitù del lavoro nero, dall’imprigionamento, dalla espulsione, che molto spesso vuol dire morte…
Leggi il seguito dell’articolo »


Venezia 20 ottobre. La corte d’Appello di Venezia ha confermato la condanna per propaganda razzista di Flavio Tosi, sindaco di Verona, e di altri cinque esponenti della Lega, Luca Coletto (ora assessore provin-ciale), Enrico Corsi (assessore comunale), Matteo Bragantini, Maurizio Filippi e la sorella del sindaco, Barbara Tosi. I sei sono stati condannati
a due mesi di reclusione per violazione della Legge Mancino (propaganda di idee razziste), per una campagna dell’estate 2001, con manifesti e raccolta di firme, per sgombrare un campo nomadi abusivo nel capoluogo scaligero.
Leggi il seguito dell’articolo »

No alla schedatura dei Rom

luglio 10, 2008

   I NOSTRI CORPI CONTRO IL RAZZISMO DI STATO 

schedatura III reich 1941 c.ca

La schedatura dei Rom dei “campi nomadi”, compresi ragazzi dai 6-14 anni, è di tipo razzista (rivolta ad una sola sola etnia) e viola le leggi della Coscienza Sociale, la Costituzione (art.3), la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo (art.1-2), le norme del Consiglio d’Europa e la Convenzione Internazionale –ONU dei Diritti dell’Infanzia. Leggi il seguito»

(Per una pedagogia della Resistenza)


DIVIETO DI SOSTA A NOMADI E ZINGARI

Il 26 aprile il sindaco di Ceggia (comune del veneziano) ha emesso un’ordinanza che vieta la sosta a “nomadi e zingari” nel territorio comunale. Una ordinanza di stampo leghista per un sindaco di Lista Civica in un comune con meno di seimila abitanti e col 25% di elettori Lega Nord. L’ordinanza, razzista perché vieta ad una razza –gli zingari, un diritto riconosciuto –invece per altre razze, è inscritta nel cosiddetto tema “sicurezza” e cacciata del “diverso”,  promosse ed intrinsecamente radicate nel partito della Lega Nord.   Leggi il seguito dell’articolo »