Rovigo con la Palestina – stop bombe a Gaza

luglio 14, 2014

Rovigo, mercoledì 16 luglio: “Stop bombing Gaza”. Alle ore 19 in piazza XX settembre, Presidio di Pace per la Palestina. Alle ore 21, Veglia di pace per Gaza: parole musica contro la guerra e in solidarietà col popolo palestinese. Restiamo Umani!  .
.

> ROVIGO – STOP MASSACRO GAZA – presidio umanitario dal 23 luglio

.
ROVIGO – STOP BOMBING GAZA

Mercoledì 16 luglio, dalle ore 19,00 in poi si terrà un presidio di pace e solidarietà per il popolo palestinese, che in questi giorni sta subendo un durissimo attacco da parte dell’esercito israeliano. Ogni giorno a Gaza vengono bombardate case, scuole, ospedali, orfanotrofi, una vera strage di civili, soprattutto donne e bambini. Anche l’indifferenza è un crimine, e noi non vogliamo esserne complici. Con la nostra testimonianza a Rovigo vogliamo rompere questo vergognoso silenzio su questo massacro! ore 19,00 ” Perchè la pace a Gaza non sia solo una favola “presso il giardino davanti la Rotonda, ridiamo un sogno di pace e una speranza ai bambini di Gaza e alle loro famiglie, con letture e testimonianze contro la guerra per la pace, con la collaborazione di TadaBimbi per i più piccoli. Microfono aperto per appelli e testimonianze in solidarietà con il popolo palestinese. Alla fine della manifestazione si potranno attaccare agli alberi i propri disegni e messaggi di pace e solidarietà. ore 21,00 Veglia di pace per Gaza: parole, musica e poesie contro la guerra e in solidarietà con il popolo palestinese. Restiamo Umani!     Organizza Libera – Rovigo

Stop ai bombardamenti su Gaza e a qualsiasi forma di violenza

Davide-Golia da Almanacco di satira polesana

Davide-Golìa, da Almanacco di satira polesana

LA TV DI STATO E L’INFORMAZIONE DA REGIME ISRAELIANO
Lunedì, 14 luglio ore 20, settimo giorno di bombardamenti israeliani:
Gaza, 172 palestinesi morti e 1100 feriti
In questi giorni la televisione di Stato, la Rai a rete unificate, non fa altro che parlare del centinaio di morti e dell’ormai migliaio di feriti senza specificare che sono tutti palestinesi e subito dopo, a compensare la notizia dice di centinaia di razzi partiti da Gaza, senza specificare che sono stati in massima parte abbattuti senza provocare gravi danni e neanche feriti. Ampio risalto anche agli abitanti di Tel Aviv – Israele, che scappano nei rifugi. Una vera e propria distrazione, da una distruzione, di massa.

distrazione di massa

Distrazione di massa – da Forum Palestina

> Forum Palestina

La Palestina dal 1946 al 2005

La Palestina – e Israele, dal 1946 al 2005

> Gaza piange le sue vittime. I nomi 

15 luglio 2014. Secondo il Ministero della Salute palestinese, a Gaza, sotto i bombardamenti israeliani, sono ad oggi 192 i morti e 1410 i feriti, l’80 per cento civili. Sul sito di Nena News, l’elenco dei nomi delle vittime, che non sono solo un numero, dell’operazione militare israeliana contro la Striscia di Gaza, “Barriera protettiva”, cominciata martedì 8 luglio 2014.

.

> Appello urgente dalla società civile palestinese di Gaza
Noi palestinesi intrappolati a Gaza insanguinata e assediata facciamo appello alle persone di coscienza in tutto il mondo perché agiscano, protestino ed intensifichino i boicottaggi, i disinvestimenti e le sanzioni contro Israele fino a che metta fine a questo attacco omicida alla nostra gente e sia chiamata a renderne conto.

.

CORSI E RICORSI DEI BOMBARDAMENTI

Una vignetta di Carlos Latufff dell’anno 2009, la situazione non è cambiata.

Side Israele-Palestina Carlos Latuff
CRONACA fotografica

Piuttosto che gnente. Più che una manifestazione è sembrata una “ciavarìa” per usare un termine di Graziella. Isolati in un luogo separato dalla città, in un buco lontano dalla gente e dalla visibilità, come andare a pescare fuori, un “déjeuner sur l’herbe” coi bambini coinvolti poco pedagogicamente (plagiati) a fare anche disegni di bandiere palestini e israeliane, coi gruppuscoli della sinistra – e cattolica rodigina, a fare comarò, tutti per gruppo, per banda senza una vera condivisione collettiva. Una ciacolata di tribali, appartati senza aperitivo ma con bandiere, lontani dai luoghi e dalle piazze: folclore, caricaturale. E, comunque, di assoluto rilievo ed interesse il discorso di Roberto Tommasi, pur se non molto ascoltato fra l’andirivieni di “ciao, come va?”, a significare la questione palestinese, l’invasione delle terre e l’”apartheid” del regime israeliano. Visto che c’era il microfono aperto sono intervenuti anche Saud palestinese a Rovigo, il giovane marocchino Larbi, il rom sindacalista Sead Dobreva. Per finire l’appariscente Giovanna Pineda ha voluto dare mostra di sé e ricordare che ci saranno altre occasioni di manifestare contro la guerra. Ci permettiamo, nel caso, per salvare un po’ di dignità e di ideali, di suggerire un corteo silenzioso per le vie del centro della città, ognuno con un cartello col nome di una delle vittime, o magari un presidio, sempre in centro, in un luogo simbolico e visibile, dove in assoluto silenzio sostare per dieci minuti coi nomi delle vittime. Sì, “restiamo umani”!man. palestina rovigo 7-2014a.man. palestina rovigo 7-2014b.man. palestina rovigo 7-2014c.man. palestina rovigo 7-2014d.man. palestina rovigo 7-2014e.man. palestina rovigo 7-2014f.man. palestina rovigo 7-2014g

.

ARCHIVIO BIANCOENERO
> Con la Palestina: No vertice Italia-Israele – novembre 2013

> Rovigo per la Palestina giugno 2010

> Orgoglio arabo per la Palestina a Rovigo – 25 gennaio 2009

>  Solidarietà per il popolo palestinese a Rovigo*dicembre 2008

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: