Il 20 di giugno, nella giornata mondiale del Rifugiato, l’Assostampa Polesana organizza un corso di aggiornamento professionale sulla “Carta di Roma”, che si configura come discriminazione politica e colonialismo culturale. Roba da 6 crediti deontologia?  Segue »

Maurizio Romanato, “fiduciario” dell’Assostampa polesana (emanazione del Sindacato Giornalisti del Veneto) segnalato all’ordine dei Giornalisti e referenti nazionali, per discriminazione politica in corso di aggiornamento. Un fiduciario da Minculpop* del moderno “regime” partitocratico?  Segue »

Ai corsi di aggiornamento professionale, previsti per legge, capita che Marco Randolo e Alberto Garbellini, giornalucoli de La Voce di Rovigo, registrino la presenza in entrata, vadano a farsi la giterella e tornino giusto per vidimare l’uscita e ottenere l’accredito professionale (?).  Leggi »

Denunciati alla Procura della Repubblica ed all’Ordine dei Giornalisti, Roberto Papetti direttore de Il gazzettino, Luca Gigli e Claudio Bertoncin responsabili della cronaca di Rovigo, Azzurra Caltagirone Presidente-editore de Il gazzettino S.P.A., per violazione della «rettifica a norma di legge» e della «fiducia tra la stampa e i lettori» all’art.1 del T.U. dei Doveri del giornalista , con l’aggravante (da galera) della discriminazione politica a mezzo stampa.  Leggi il seguito della denuncia »

I capi-cronisti di tutti e tre i quotidiani di Rovigo, Carlo Cavriani – Il Resto del Carlino, Roberto Rizzo – La voce, Luca Gigli-Claudio Bertoncin – Il Gazzettino, con l’aggiunta di Lorenzo Zoli – RovigoOggi.it, quotidiano online, sono segnalati alla Procura della Repubblica per discriminazione politica a mezzo stampa in una vera e propria associazione sovversiva contro la Costituzione e l’Ordine professionale.   Leggi il seguito »

Segnalazione alla Procura di Rovigo e all’Ordine dei Giornalisti per Carlo Cavriani, capo-cronista del Resto del Carlino di Rovigo, diretto da Andrea Cangini, che riesce a violare anche la “Carta di Treviso”, a tutela dei minori, pubblicando la foto riconoscibile di un bambino in braccio alla mamma.  Leggi il seguito »

RovigoOggi.it sembra diventato l’organo di Forza Nuova e la sua Direttrice viene segnalata, assieme a Forza Nuova, per incitamento alla violenza ed all’odio razziale e per violazione della “Carta di Roma” [Protocollo deontologico a tutela gli immigrati nell’informazione – Ndr].  Leggi il seguito »

Egregio direttore di serie (rating) AAA, se vollesse dare un po’ di spazio anche ai colleghi piperlini di serie BBB. [Solo per giornalisti de Il fatto Quotidiano].   Leggi il seguito »

Consiglio di disciplina Ordine Giornalisti del Veneto o Tribunale speciale a difesa della “casta” e contro ogni moralizzazione della categoria? Della serie: corso di formazione professionale, 4 crediti telematici deontologia.  Leggi il seguito »

I capi-cronisti di tutti e tre i quotidiani di Rovigo (Il Resto del Carlino, La Voce, Il Gazzettino), Carlo Cavriani, Roberto Rizzo, Luca Gigli-Claudio Bertoncin, sono segnalati alla Procura della Repubblica per discriminazione politica a mezzo stampa in possibile consociazione di stampo mafioso.   Leggi il seguito »

Il già condannato per aggressione Valentini Paolo, titolare Antico Coghetto di Rovigo, viene segnalato per una nuova aggressione ai danni di un un inerme pacifista rodigino in una vera e propria coazione a ripetere di bullismo sociale. Leggi il seguito dell’articolo »

Denunciati i giornalisti della redazione de Il gazzettino di Rovigo, Gabriele Coltro (capocronista), Claudio Bertoncin (vice capo-cronista), Luca Gigli, Ivan Malfatto, Franco Pavan, Paolo Ponzetti, Nicoletta Canazza, Marina Lucchin, per discriminazione politica a mezzo stampa, violazione della “Carta di Roma” e discriminazione razziale, violazione art.21 diritto-dovere di informazione, violazione norme fondamentali della professione (comunanza tra colleghi e rispetto dei lettori), violazione diritto di rettifica. Roba da espulsione dall’Ordine col passaggio all’edilizia.  Leggi il seguito »

Il Sindaco di Rovigo, Massimo Bergamin, è denunciato in Procura per razzismo, discriminazione razziale, omofobia in amministrazione pubblica e incitamento a evadere le tasse. Una tetralogia di denunce che s-qualifica il Primo cittadino di Rovigo e precipita la cittadinanza tutta – complice e tacita, prona e ca-prona, al primo posto delle più discriminanti città d’Italia: Rovigo città de mona! Leggi il seguito della denuncia »

Irene Lissandrin direttrice di RovigoOggi.it denunciata per furto di notizie e fotografie, Lorenzo Zoli articolista di Rovigooggi.it, denunciato per furto di notizie e di fotografie.  Leggi il seguito »

“La voce di Rovigo”, che rispetto ai profughi-immigrati sembra l’emanazione della corrente de Ku Klux Klan della Lega Nord, è il quotidiano locale che più si caratterizza per incapacità professionale e violazione di ogni norma deontologica (che vada dal diritto di rettifica, al diritto di immagine, alla Carta di Roma), ed è finanziata coi soldi dei contribuenti: ben 568 mila euro solo nel 2014 Leggi il seguito »

I Direttori delle maggiori “testate” giornalistiche e l’Ordine dei Giornalisti del Veneto denunciati in Procura per violazione dell’art.21 della Costituzione che prevede diritto-dovere di in-formazione.  L’Ordine dei Giornalisti va abolito per incostituzionalità. Leggi il seguito »

Massimo Bergamin, Sindaco di Rovigo, denunciato alla Procura della Repubblica per istigazione all’odio ed alla violenza razziale, discriminazione politica a mezzo fascia tricolore e violazione del diritto all’immagine.
Leggi il seguito della segnalazione alla Procura »

Que viva Ken Parker!

aprile 16, 2015

Ken Parker è vivo e lotta assieme a noi: boycott il n.50 di Ken Parker di Mondadori e Berardi-Milazzo! No alla speculazione finanziaria sulla adolescenza assassinata. Petizione per la sopravvivenza di Ken Parker.
Leggi il seguito »

Il Carlino di Rovigo capo-cronato da Carlo Cavriani sembra affetto da una vera e propria “ossessione zingara”: miraggi allucinatori di “zingari” (che è oggi un termine spregiativo a definire l’etnia Rom/Sinta) fautori di reati criminali senza alcuna descrizione probatoria o verifica di notizia: se una donna sconosciuta compie un reato, allora è una “zingarella”, una “donna di etnia rom”. Leggi il seguito »

Pier Francesco Bellini direttore de La Voce di Rovigo segnalato alla Procura di Rovigo ed all’Ordine Giornalisti per discriminazione verso minoranza etnica (violazione Carta di Roma) e discriminazione verso minorenni (violazione Carta di Treviso). Leggi il seguito »

Roberto Papetti direttore del Gazzettino segnalato-esposto alla Procura per favoreggiamento della prostituzione, Andrea Cangini direttore del Resto del Carlino segnalato-esposto alla Procura per favoreggiamento della prostituzione, Carlo Cavriani capo-cronista Carlino Rovigo segnalato-esposto alla Procura per favoreggiamento della prostituzione. I fatti sono pertinenti alla pubblicazione di inserti pubblicitari a “luci rosse”*, che promuovono e favoriscono cioè la prostituzione a pagamento attraverso i citati quotidiani.  Leggi il seguito »

Anche se non c’entra niente. Lorenzo Zoli articolista, Gabriele Coltro capo-cronista “Il gazzettino di Rovigo” e Roberto Papetti direttore, sono  segnalati-esposti alla Procura della Repubblica di Rovigo, all’Ordine Veneto dei Giornalisti ed all’UNAR (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali) per violazione della “Carta di Roma” ed incitamento alla discriminazione verso i Rom/Sinti. Leggi il seguito della segnalazione alla Procura »

Rovigo, 23 settembre, sala G.Guardia – ore 9,30-13,30. Giornalisti come Maria Fiorenza Coppari e archibugio Orazio Carrubba, demandati dall’ordine dei Giornalisti del Veneto di Gianluca Amadori a tenere un corso sulla deontologia professionale (ohibò!) dimostrano, ancora una volta, e se ce ne fosse stato di bisogno, che l’Ordine dei Giornalisti del Veneto è una “casta”, una categoria di privilegiati che usa anche di “graduati” come Coppari-Carrubba per difendere i propri ed impedire il diritto di opinione – proprio ad un corso sulla deontologia professionale.  Leggi il seguito »

bandiera palestinaRovigo, mercoledì 23 luglio dalle ore 18 presso Gran Guardia, P.zza Vittorio Emanuele: “presenza di pace” in solidarietà col popolo palestinese. Appello all’umanità per mercoledì ed i giorni successivi, fino alla fine del massacro. Leggi il seguito dell’articolo »

Rovigo, mercoledì 16 luglio: “Stop bombing Gaza”. Alle ore 19 in piazza XX settembre, Presidio di Pace per la Palestina. Alle ore 21, Veglia di pace per Gaza: parole musica contro la guerra e in solidarietà col popolo palestinese. Restiamo Umani!   Leggi il seguito »

“La Voce” di Rovigo, nelle vesti del direttore Pier Francesco Bellini, del coordinatore editoriale Roberto Rizzo, dell’articolista Alberto Garbellini, del fotografo Carlo Chiarion, denunciata alla Procura di Rovigo per istigazione all’odio etnico, per violazione de la “Carta di Roma” e per uso lesivo di ritratto senza autorizzazione della persona. Leggi il seguito »

La madonna della chiesa del manicomio, restaurata pressappoco dall’Ulss 18, è stata posizionata nella hall dell’Ospedale Civile. Scopri le differenze fra l’originale ed il restaurato male. Leggi il seguito dell’articolo »

bandiera palestinaAnche a Rovigo si manifesta per la Palestina.
Rovigo, 1 dicembre. Presidio per l’autodeterminazione e la libertà del popolo palestinese, dalle 15,30 in piazza Merlin (Roma) in occasione del vertice Italia-Israele del 2 dicembre a Roma.   Leggi il seguito dell’articolo »

Autunno 2012. Ogni giorno una nuova piccola croce nell’elenco delle ver-gogne. Che si ammassano in un cimitero nascosto alla periferia dell’u-manità. “Quante volte può un uomo volgere lo sguardo e fingere di non vedere?”, cantava Bob Dylan in tempi meno pavidi e arresi. Notiziario polesano illustrato, da morti viventi, in una crudele luce stroboscopica.  Leggi il seguito dell’articolo »

Rovigo, 15 novembre. E’ una battaglia di civiltà contro la riduzione delle persone a merci, domenicali. Volantinaggio dei sindacati, boicottaggio della Chiesa ed anche scritte, contro quella che pare diventata una vera e propria “coionanza” domenicale…  Leggi il seguito dell’articolo »

Lettere quotidiane dal fronte dei Diritti Umani – negati e della Giustizia Sociale – pure. Censurate quasi in toto dalla stampa quotidiana di Rovigo che va ascritta, a pieno merito, fra i responsabili della de-classificazione (degli ultimi due anni, secondo Freedom House) dell’Italia a paese parzialmente libero per la “libertà di stampa”, al pari del Benin (capo-cornista Cavriani) e del Tonga (capo-cornista Salvagno). Leggi il seguito »

Ratatuia, dall’occitano, significa rimestare, rimestare nel torbido politico che viene a galla – nell’occasione. Può essere rilassante, in periodo di torrida estate rodigina, mettersi all’ombra in spiaggia dell’Adige, con una granatina al cedro, a vedere passare i tronchi e gli stronzi che galleggiano, sull’acqua e raffigurarli – gli stronzi, con quelli della “cricca” partitocratica polesana che, come i suddetti e proprio perché lo sono, stanno sempre a galla. Rassegna stampa di politici polesani in contumacia.  Leggi il seguito dell’articolo »

Rovigo, 1 luglio. Nessuna ristrutturazione della dismessa area manicomiale può avvenire cancellando la memoria dell’Ospedale Psichiatrico. Ogni recupero della superficie deve prevedere uno spazio adeguato per una “memoria manicomiale” attiva, che si faccia presente. Per una riconciliazione nazionale con le vittime manicomiali. Con il restauro visionario del dipinto murale del 1° maggio 1979.
Leggi il seguito dell’articolo »

Mercoledì 25 di maggio, a Rovigo, Redazione Biancoenero organizza due manifestazioni nel “Giorno della memoria” di Antonin Artaud.
1- Alle ore 14 Roberto Costa interpreta “Farfadi ta azor tau ela”, elegia funebre per tutti i manicomi, alle scale mobili del centro commerciale Le Torri. 2- Alle ore 21, presso il Csv, in viale Trieste n.23, si tiene la presentazione del video-film “Aliénation et magie noire, par Antonin Artaud de l’asile de fous de Rovigo”. Trascrizione per immagini, dal manicomio di Rovigo, su testo radiofonico registrato da Artaud nel 1946.
Leggi il seguito dell’articolo »

S-profondo rodigino in campagna elettorale, primavera 2011, notiziario.
“Sos, aiuto, Rovigo s-profonda” è la richiesta d’intervento che sale dal comune di Rovigo disastrato dalla campagna elettorale. Perché la “ghenga” partitocratica, ha sospeso gli accordi partecipativi di saccheggio e gestione del territorio, per lasciare spazio libero alle dieci bande comunali che, in una lotta all’ultimo voto, santino su santino, testa su testa, andrà a ridefinire la nuova spartizione. Leggi il seguito dell’articolo »

Martedì 21 dicembre (di luna piena), alle ore 21, presso il Csv – viale Trieste 23, Rovigo, Biancoenero presenta il video-film: “Aliénation et magie noire”, par Antonin Artaud, de l’asile de fous de Rovigo.
Leggi il seguito dell’articolo »

Una crudele estate rodigina

settembre 23, 2010

Rovigo, 23 settembre. ***

Rovigo, 16 luglio. Il manicomio, verso la chiusura diventa “sociale”. Con la “legge Basaglia” del 1978 anche l’Ospedale Psichiatrico di Rovigo chiude ufficiosamente, ma il “residuo” perdura fino al 31 dicembre 1997. Il Centro del sociale nasce nel 1980 e accompagna con le sue iniziative di socializzazione lo svuotamento progressivo del manicomio, fino alla sua definitiva chiusura. Leggi il seguito dell’articolo »

Rovigo, 22 giugno. “Informazione e libertà di stampa. No al ddl Alfano. No al silenzio di Stato” è il titolo dell’assemblea pubblica promossa dalle Associazioni dei giornalisti del Veneto alle ore 21 presso la sala Gran Guardia, in piazza Vittorio Emanuele. Leggi il seguito dell’articolo »

Rovigo, 21 giugno – 23 settembre. I primi cinque mesi dell’anno sono stati i più caldi dal 1880, si prospetta un’estate torrida, una stagione di “saldi”, nella quale saranno svenduti gli ultimi diritti costituzionali sopravvissuti alla liquidazione delle ultime stagioni berlusconiane, mentre a livello locale, l’umanità, la giustizia sociale, i diritti umani, sono già stati saldati alle elezioni provinciali dell’anno scorso. La “ghenga”, dopo avere fatto terra bruciata, si auto eleva a classe politica in un miraggio estivo da “fata morgana”. Non resta che rinchiuderla in una “casa degli orrori” al parco dei divertimenti e rifugiarsi, con una granatina, nelle giostre dell’anima, perché, per dirla con Guy Debord, “Il futuro è, se si vuole, nei Luna Park costruiti da grandi poeti”. Notiziario a cubetti. Leggi il seguito »

Rovigo, 14 maggio – 17 giugno. Un mese per ricordare, e rendere noto al-la nazione, il genio teatrale di Gabbis Ferrari, lo Strehler rodigino.
> Continua

Rovigo, 5 giugno. Merda, rutti, scoregge ed escrementi (naturalmente di tipo teatrale) a Marco Munaro, Massimo Munaro e Sergio Garbato, profa-natori della tomba di Antonin Artaud. Impresari della cultura usata come elettrochoc per anestetizzare le coscienze e domare la ribellione.
> Continua

Rovigo 31 maggio. Alle ore 4.30, col favore del buio della notte, la Marina israeliana ha attaccato la “Freedom Flotilla” in acque internazionali con navi ed elicotteri, causando decine di morti e feriti tra gli attivisti per i diritti umani a bordo della nave turca Mavi Marmara. Sequestrate le imbarcazioni, arrestati 480 pacifisti, 48 espulsi, 45 ricoverati in ospedale.
Leggi il seguito dell’articolo »

Rovigo, 28 maggio.  Puškin  sta a San Pietroburgo come Callegarin sta a Rovigo. Questa ardita equazione segna l’abisso in cui è caduta la cultura (?) in Polesine. Perché la rassegna “Puškin: la lirica, il cinema, il teatro, la musica”, sei eventi dal 5 maggio al 6 giugno, è un pretesto per incoronare il promotore presidente Arci, nell’occasione Ca(lle)garìn, come vate della cultura polesana, con fanfara della “banda del buco”.
Leggi il seguito dell’articolo »

Rovigo, 17 maggio. “L’Ospedale Psichiatrico Provinciale di Rovigo – Luogo di condizione umana separata”, di Gianfranco Rizzo – 1997, è un docu-mentario filmico importante di memoria dal “manicomio” di Granzette. Leggi il seguito dell’articolo »

L’Arci,  nell’atto di “celebrare” Franco Basaglia – promotore della legge a chiusura dei manicomi, lo svuota di significato e ne umilia la memoria praticando discriminazione ed emarginazione verso le uniche persone che nel territorio hanno lavorato per l’abolizione del manicomio.
Leggi il seguito dell’articolo »

Nella giornata mondiale della libertà di stampa, occorre ricordare che l’Italia è paese “parzialmente libero”,  e per il secondo anno consecutivo, nella classifica mondiale della “libertà di stampa (al 72° posto – al pari del Benin). A Rovigo questa retrocessione si deve in primis ai tre capo-cronisti dei quotidiani locali, Donato Sinigaglia – Carlo Cavriani – Andrea Panozzo, seguiti a latere da pennivendoli come Franco Pavan – Nicola Chiarini – Daniela Muraca… Con resoconto della manifestazione per la “libertà di stampa”, del 7 maggio, con Santo Della Volpe. Leggi il seguito »

Roma, 6 marzo. Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha fir-mato ieri notte il decreto interpretativo varato dal Consiglio dei Ministri che reintegra le liste del Pdl escluse per irregolarità dalla campagna elettorale nel Lazio e in Lombardia. Un’altra firma anti-costituzionale, dopo il “lodo” Alfano, le norme razziali anti-immigrati e lo scudo fiscale. Rassegna stampa illustrata. Leggi il seguito dell’articolo »

Rovigo,  31 gennaio.  All’Ordine dei Giornalisti: “… affinché Donato Siniga-glia, Carlo Cavriani ed Andrea Panozzo vengano espulsi dall’Ordine dei Giornalisti con disonore e venga loro stracciata la tessera, come Coloro hanno stracciato nel cestino la loro etica professionale”.
Leggi il seguito dell’articolo »

Rovigo, 24 gennaio. Parte bene il corso di teatro della Fondazione Rovigo Cultura. Un progetto per il benessere dei pensionati (Gabbis Ferrari e Sergio Garbato) che in Polesine sono ormai un terzo della popolazione. Un corso gestito dalla compagnia “Minimiteatri”, per un massimo di fi-nanziamenti pubblici. Leggi il seguito dell’articolo »